Appuntamenti Caritas
Archivio appuntamenti RSS
News da Peacelink
News da Unimondo.org
News da Misna.org
Newsletter

 

Leggi l'informativa sulla privacy

Archivio newsletter Links

 

conformita'

Primo Piano

Terremoto Emilia Romagna

La Caritas diocesana di Reggio Emilia – Guastalla, esprime vicinanza alle comunità e alle persone colpite dal terremoto e si unisce nella preghiera alle famiglie delle persone morte anche con le scosse del 29 maggio.

In stretto coordinamento con la Delegazione Regionale Caritas Emilia Romagna e con Caritas Italiana, si opera già nelle zone colpite dal sisma. Si è costituito nella nostra diocesi un coordinamento delle parrocchie coinvolte e sono allo studio interventi nelle zone più colpite del reggiano (Reggiolo, Fabbrico e un po' tutto il Vicariato di Guastalla).
In collaborazione con la Protezione Civile abbiamo consegnato a Reggiolo (RE) materiali richiesti per il sostegno delle persone accolte.

E' attivo il Centro di Coordinamento delle Caritas a Finale Emilia (MO) che sta corrdinando gli aiuti e rilevando i bisogni reali per mettere in rete le risorse. Il lavoro di ascolto e monitoraggio sarà mirato a capire quali progettualità sono necessarie per le prossime settimane.

In questo momento servono in particolare:
- succhi di frutta
- merendine
- scatolame (tonno, carne, piselli, ...)
- olio
- zucchero
- marmellata
- farina
- deodoranti per persona
- detersivi a mano
- gazebo
- passeggini, carrozine e seggioloni per bambini

 

IMPORTANTE: Prima di organizzare raccolte particolari o di consegnare il materiale si chiede di mettersi in contatto con le nostra segreteria (in Via dell'Aeronautica, 4 a Reggio Emilia Tel. 0522 922520 E-mail segreteria@caritasreggiana.it)  tutti i giorni (esclusi mercoledì pomeriggio, sabato e domenica) dalle 8.30 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 17.30 per verificare insieme le effettive necessità e come procedere.

Per quanto riguarda gli indumenti al momento non ci sono stati richiesti dal coordinamento della Protezione Civile. Se si desidera consegnare indumento li ritiriamo come facciamo sempre per le attività normali della nostra Caritas e a richiesta li invieremo nelle zone terremotate. Se non verranno richiesti verranno usati sul nostro territorio per le nostre finalità.

Raccogliamo anche altre disponibilità, in particolare di tende, roulotte, camper, strutture per accoglienze temporanee.

La Presidenza della CEI, ha messo a disposizione 3 milioni di euro proveniente dai fondi dell'otto per mille. Questi sono già stati destinati alle diocesi colpite dal terremoto (Ferrara, Bologna, Modena, Carpi, Reggio Emilia, Mantova e Adria-Rovigo).
Si è tenuta la colletta nazionale in tutte le chiese domenica 10 giugno (scarica il poster).

Martedì 26 giugno anche il Santo Padre Benedetto XVI ha visitato le zone colpite dal sisma, in particolare a Rovereto sulla Secchia. Vai al testo completo del discorso.
 

Come contribuire
Chi vuole sostenere gli interventi in atto può versare il proprio contributo attraverso i seguenti canali (causale: “Terremoto Nord Italia 2012”)