Appuntamenti Caritas
Archivio appuntamenti RSS
News da Peacelink
News da Unimondo.org
News da Misna.org
Newsletter

 

Leggi l'informativa sulla privacy

Archivio newsletter Links

 

conformita'

Primo Piano

Accoglienza invernale Caritas

Dal 2002 ad oggi si rinnova con sempre grande partecipazione da parte del territorio, il progetto di Accoglienza alle persone senza dimora nel periodo invernale. Dopo la recente riapertura del dormitorio di via Agosti intitolato a Don Luigi Guglielmi, la struttura ospita già il numero massimo di persone e le domande sono in continuo aumento. Per il periodo invernale sappiamo che si rende necessario offrire ospitalità a più persone che durante l’anno si arrangiano con soluzioni precarie come le case abbandonate o la stazione o l’auto, ma quando il freddo avanza la situazione diventa davvero critica e coloro che vengono a bussare alle nostre porte sono davvero tantissimi, oltre trenta a settimana. Il progetto ci consente di coinvolgere molte parrocchie nell’ottica di un’apertura all’accoglienza del prossimo. Allo stesso tempo abbiamo sempre sollecitato in questi anni le istituzioni pubbliche che contribuiscono al progetto in maniera diretta e collaborativa. Lo scorso anno abbiamo introdotto un’importante esperienza che replicheremo anche nel corso del prossimo inverno. Una volta a settimana ci siamo recati in stazione con Don Davide Poletti e alcuni giovani volontari di Santa Croce per conoscere e ascoltare le persone che dormivano in stazione o nelle vie limitrofe. Anche quest’anno sono molte le parrocchie che hanno aderito offrendo disponibilità di letti per ospitare i più bisognosi nel periodo dal 1 dicembre al 31 marzo e i posti messi a disposizione saranno in tutto circa 100. La nostra Caritas sta inoltre ospitando 4 profughi nigeriani richiedenti asilo che hanno tempi lunghi di attesa per la loro stabilizzazione burocratica. Attualmente sono ospitati in una struttura messa a disposizione dalla parrocchia di Codemondo. Oltre a noi altre realtà distribuite su tutto il territorio comunale stanno dando ospitalità ai profughi che sono in tutto 230.

Sempre in relazione ai progetti di accoglienza ma in questo caso non legati al periodo invernale, la Caritas Diocesana aprirà una nuova struttura di prima accoglienza, Casa Bruna, destinata ad ospitare donne in difficoltà per progetti a breve termine. Il centro di ascolto diocesano insieme al progetto Maria di Magdala che da anni segue in diocesi le persone vittime della tratta, saranno direttamente coinvolti nella scelta e nell’ospitalità di queste donne. Le parrocchie maggiormente interessate saranno quelle sul cui territorio sorge casa Bruna (Sant’Anselmo, San Luigi, Sant’Antonio e Sant’Alberto), ma l’intenzione è che il progetto diventi segno per tutta la diocesi. Due giovani volontarie hanno dato la disponibilità a convivere in un contesto di vita comunitaria con le donne che verranno ospitate. Altre realtà di accoglienza sono in rete con Caritas per l’accoglienza femminile. Coviolo ha sistemato una casa dove sono accolte tre ragazze in una fase di autonomia. Altra realtà di autonomia è presente a Cadelbosco dove in un appartamento vicino alla parrocchia oggi abitano due persone. Numerose le situazioni che si stanno preparando all’accoglienz e molte le famiglie che stanno già accogliendo in diocesi diverse ragazze.